«Grazie per avermi salvato e fatto la barba»