«Ciao rivoluzionario Maestro “Franco”: ciò che ci hai insegnato è rimasto in noi»