Arezzo, il grido del terziario: “Fateci riaprire o lo facciamo da soli il 1 maggio”