Primario si scaglia contro il polo socio-sanitario privato