L’ufficio scolastico provinciale: «Meno studenti in classe e più didattica a distanza»