Una ricevuta ogni tanto e migliaia di falsi certificati: le accuse ai due medici sportivi