Il Tar boccia il “paese delle donne”: torna il vecchio nome