Sogni nerazzurri: anche il calcio ostaggio del coronavirus