Coronavirus, i fiorentini sono «molto preoccupati»