«Il mio libro è un atto d’amore per la cultura»