Paolo e Maria Assunta, “chiccai” per generazioni di pontederesi