«I nerd sono nella stanza dei bottoni, ma non cambiano le regole del gioco»