Poggio, una sentenza mette ordine «Nessuna diarchia, ecco chi fa cosa»