«Cambiamo l’uscita dei bambini per separarli dalle orde dei turisti»